Come fare per


MODALITA’ CONVERSIONE PIGNORAMENTO PER LE ESECUZIONI INIZIATE PRIMA DEL 13/02/2019

A chi rivolgersi

Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari e Mobiliari

Ubicazione: Via Govone n. 9, Asti
Orario al pubblico:

Tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 12:00, con prosecuzione fino alle ore 13:00 unicamente per il deposito degli atti in scadenza;

Il sabato solo per atti in scadenza.

 

Personale Amministrativo:

I dati sono visualizzati nel seguente ordine: incarico, qualifica comprensiva della fascia economica, nominativo

  • Sig.ra Giuseppina Sileo (Funzionario Giudiziario)
    Incarico: Responsabile
  • Dott.ssa Clara Giuseppina Badarello (Assistente Giudiziario)
    Incarico: Addetto
  • Sig.ra Franca Toso (Operatore Giudiziario)
    Incarico: Addetto
  • Sig.ra Anna Quaglia (Ausiliario)
    Incarico: Addetto

COS'E'

La conversione del pignoramento è l'istituto che consente al debitore prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione dei beni pignorati, di sostituire agli stessi una somma di denaro che comprende tutto quanto dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti per capitale interessi e spese anche dell'esecuzione. L'istanza può essere avanzata una sola volta a pena di inammissibilità.


NORMATIVA

ART. 495 Codice di Procedura Civile


CHI PUO' CHIEDERLA

Il debitore personalmente o il suo difensore costituito


DOVE

Deposito telematico a mezzo di avvocato costituito con scansione della copia dell’assegno circolare da versare successivamente in originale presso la Cancelleria delle Esecuzioni, secondo piano.

Personalmente dal debitore presso la Cancelleria del Giudice dell'Esecuzione


COME SI SVOLGE

Prima che sia disposta la vendita o l’assegnazione, il debitore può chiedere di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari, oltre alle spese di esecuzione, all’importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese.

Unitamente all’istanza deve essere depositata in cancelleria, a pena di inammissibilità, una somma non inferiore ad un quinto dell’importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti indicati nei rispettivi atti di intervento, dedotti i versamenti effettuati di cui deve essere data prova documentale. La somma, come sopra determinata, è versata tramite assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane S.p.A. patrimonio Bancoposta”.

In caso di accoglimento dell'istanza, le rate verranno versate con le medesime modalità dell’assegno versato con l’istanza di conversione.


NOTA BENE

Qualora il debitore non provveda al saldo nel termine stabilito, il Giudice su istanza del creditore dispone la vendita dei beni pignorati e, le somme eventualmente versate, vanno a formare parte dei beni pignorati. Qualora, invece, il debitore provveda all’integrale pagamento, i beni pignorati vengono liberati dal vincolo del pignoramento e rientrano nella disponibilità del debitore.


COSTI

Esente da contributo unificato, se è già stata depositata l’istanza di vendita;

€ 16,00 marca da bollo ogni 4 pagine se non è stata depositata l’istanza di vendita.